L’arte dell’esistenza II – L’atleta dell’evento: attenzione ed esercizio.

Torniamo alla filosofia ellenistica, la quale, a mio parere saggiamente, si sviluppò verso una tecnica dell’ essere e non del semplice conoscere il mondo. Ancora oggi, può trovare spazio nella nostra mente un tanto antica quanto importante idea, secondo la quale la filosofia è atto permanente di orientamento dell’ attenzione. Si intenda, con attenzione, l’atteggiamento psichico di chi è in stato vigile, rivolto verso quei principi che permettono di guardare al mondo con occhi diversi. L’importanza dell’attenzione risiede non tanto nel nucleo teorico osservato, quanto nel continuo rinnovo di essa, nel continuo esercizio a cui si dovrebbe sottoporre la nostra visione delle cose.

Ecco qui l’idea di filosofia come esercizio. Essa non consiste in impianti teorici, bensì in uno stile di vita, un atteggiamento, come insegna lo stesso Seneca: “facere docet philosophia, non dicere” (“la filosofia insegna ad agire, non a parlare”). Questa pratica sulla materia del Sé deve insistere e far sì che la lucidità diventi abitudine. Il pensiero deve diventare parola e la parola deve diventare azione; senza di questa, la filosofia non esiste.
Il filosofo deve insomma diventare un atleta dell’evento, come lo definì Foucault: il suo equipaggiamento (paraskeue) consiste in discorsi (logoi) che egli ha “conficcato” così profondamente in sé da portarli come un abito. Egli ha ottenuto questo risultato con l’esercizio di meditazione, scrittura. Egli ha immagazzinato persuasivi schemi d’azione che non si limitano a essere presenti nella mente; essi dovranno essere così spontanei da apparire come memorizzati dallo stesso corpo.

Esserci è un dovere

Non cercare di capire cosa ti accade. Esserci è un dovere, non fosse che per un istante.

Pierre Hadot

Più leggo Hadot, più scopro parole che non ho mai detto ma che mi paiono provenire dalla mia mente. Mi rendo conto di essere in sintonia con la stragrande maggioranza delle opinioni di quest’uomo e lo trovo stupefacente.

Non cercare di capire cosa ti accade. 
Ci sono dei momenti in cui bisogna evitare di avere la volontà e la presunzione di capire la totalità del mondo attraverso l’unico specchio dei nostri occhi. Esiste la necessità di staccare dalla logica causa-effetto, di non razionalizzare l’esterno, di non cercare di porsi come un soggetto distante dall’oggetto che è tutto il resto.

Esserci è un dovere. 
Quello che importa davvero, alla fine dei giochi, è la nostra presenza viva. La vita non è infinita, dunque troppo breve per essere sprecata; da questa prospettiva, è naturalmente conseguente un impegno. Il solo esserci diventa un dovere nella misura in cui ci si impone di trasformare la propria esistenza nella direzione del fine, dell’impegno che perseguiamo. Il semplice fatto che stiamo al mondo è forse davvero un dovere. L’esistenza pone domande su se stessa per sentirsi rispondere il suo nome.

Non fosse che per un istante.
Non cadiamo nella trappola della speranza. C’è bisogno d’essere disperati nei confronti del futuro, perché non dovrebbe essere concesso scaricare la propria responsabilità su ciò che verrà. Dobbiamo caricarci di essa e attuarla ogni istante, senza procrastinare.
L’impegno ha valore in ogni istante; anzi, forse si può dire di più: esso ha valore solo perché attuato in ogni singolo istante. Solo nel presente può continuare a chiamarsi impegno. Tuttavia, è da ricordare come non ci si debba fossilizzare nel presente: esso è solo un momento, uno slancio attuale verso il cambiamento, nulla più. Nell’instabilità dell’istante diveniente ci muoviamo in maniera consona.