Verso un’altra filosofia critica

Riporto un interessante stralcio di saggio in cui mi sono imbattuto per ricerche personali. Il tema è il movimento dell’ultimo Foucault “verso un’altra filosofia critica”, che sia in grado di non essere meramente negativa. Il filosofo getta uno sguardo alle tecniche del sé della Grecia antica. Egli procede al recupero degli insegnamenti stoici e cinici non già per riproporle come soluzioni al moderno – impossibile risolvere le problematiche attuali con risposte antiche – ma per impadronirsi di un ricordo, «come esso balena nell’istante del pericolo». Le antiche filosofie delle scuole socratiche finiscono per diventare mezzo di sopravvivenza tra i pericoli del mondo contemporaneo, pervaso di biopolitica, per via del loro oggetto comune: la cura di sé e la trasfigurazione della propria umanità.

Verso un’altra filosofia critica

L’analisi delle diverse tecniche del sé messe in atto nei differenti processi o modi attivi di soggettivazione ha permesso a Foucault di «ricollocare il soggetto all’interno del campo storico delle pratiche e dei processi entro cui egli non ha smesso di trasformarsi» [36]. Essa, ripercorrendo la storia di ciò che siamo, mostrandoci la provenienza del materiale da cui siamo costituiti, segna certamente i nostri limiti, ma, nello stesso tempo, insegna che il sé non è un dato originario, che tale dato è al contrario solo un’Erfindung, come sosteneva Nietzsche, un fabbricato, un’invenzione, e di conseguenza il sé non è se non una creazione di volta in volta differente elaborata e prodotta in un’epoca specifica come risposta agli specifici problemi che quell’epoca sollevava [37]. Il sé è un materiale con cui lavorare per creare, foggiare se stessi, è il materiale attivo e duttile per una poiesis. Esso non preesiste ma, stoffa relazionale di noi stessi, di volta in volta, diviene. Foucault era affascinato da quest’idea di poter creare il sé come un’opera d’arte.

Continua a leggere

Antropopoiesi e scultura di sé

Se si tratta di inventare e costruire umanità, è inevitabile che questa venga “in-corporata”, “in-segnata” sul corpo ovvero che il corpo ne parli, ne sia la manifestazione tangibile, visibile.

Francesco Remotti

Congo, riti di iniziazione dei bambini pigmei di etnia Mbuti. Foto di Randy Olson.

In un post precedente ho tentato di parlare dell’esteticità di qualsiasi operazione su di sé. Poiché l’individuo è solamente una piega del sapere, un ripiegamento del tessuto relazione di sapere-potere, il gesto di colui che coltiva un proprio ethos è simile a quello dell’artigiano; come un’opera d’arte, il nostro abito viene modellato dalla nostra mano procedendo tramite una resistenza che non solo è capace di dire “no!”, ma è anche parte delle relazione di potere, sulle quali riesce ad avere un effetto. Il potere su di sé agisce sulla stessa direzione delle relazioni di dominio. Esistono insomma più possibilità di soggettivazione, le quali passano dall’assoggettamento ai dispositivi di potere alla ri-soggettivazione prodotta dalle pratiche di libertà.
E’ da sottolineare come, tutte queste manifestazioni siano, oltre che etiche, estetiche. La nuova apertura di verità, per essere tale, deve farsi modo di vivere, deve diventare vita di chi la sostiene, e questo, a mio parere, è possibile passando per qualsiasi relazione con l’esterno, anche quella estetica.

Uno splendido esempio di operazione sul materiale umano è la cosiddetta antropopoiesi, concetto che ho potuto conoscere grazie alla lettura di un testo di Francesco Remotti, antropologo con una cattedra alla facoltà di Lettere e filosofia di Torino, intitolato Prima lezione di antropologia.
Non mi soffermerò sul libro (forse lo farò in seguito, chi può dirlo!) che in realtà meriterebbe una menzione più erudita e approfondita della mia, ma cercherò solo di introdurre questo affascinante lato dell’umano.

Continua a leggere

Esserci è un dovere

Non cercare di capire cosa ti accade. Esserci è un dovere, non fosse che per un istante.

Pierre Hadot

Più leggo Hadot, più scopro parole che non ho mai detto ma che mi paiono provenire dalla mia mente. Mi rendo conto di essere in sintonia con la stragrande maggioranza delle opinioni di quest’uomo e lo trovo stupefacente.

Non cercare di capire cosa ti accade. 
Ci sono dei momenti in cui bisogna evitare di avere la volontà e la presunzione di capire la totalità del mondo attraverso l’unico specchio dei nostri occhi. Esiste la necessità di staccare dalla logica causa-effetto, di non razionalizzare l’esterno, di non cercare di porsi come un soggetto distante dall’oggetto che è tutto il resto.

Esserci è un dovere. 
Quello che importa davvero, alla fine dei giochi, è la nostra presenza viva. La vita non è infinita, dunque troppo breve per essere sprecata; da questa prospettiva, è naturalmente conseguente un impegno. Il solo esserci diventa un dovere nella misura in cui ci si impone di trasformare la propria esistenza nella direzione del fine, dell’impegno che perseguiamo. Il semplice fatto che stiamo al mondo è forse davvero un dovere. L’esistenza pone domande su se stessa per sentirsi rispondere il suo nome.

Non fosse che per un istante.
Non cadiamo nella trappola della speranza. C’è bisogno d’essere disperati nei confronti del futuro, perché non dovrebbe essere concesso scaricare la propria responsabilità su ciò che verrà. Dobbiamo caricarci di essa e attuarla ogni istante, senza procrastinare.
L’impegno ha valore in ogni istante; anzi, forse si può dire di più: esso ha valore solo perché attuato in ogni singolo istante. Solo nel presente può continuare a chiamarsi impegno. Tuttavia, è da ricordare come non ci si debba fossilizzare nel presente: esso è solo un momento, uno slancio attuale verso il cambiamento, nulla più. Nell’instabilità dell’istante diveniente ci muoviamo in maniera consona.