Libertà e sicurezza

Condivido ogni singola parola. Dalla zampa pelosa del leghista alla seconda tesi. Non aggiungo nulla perché il post è bastevole a sé.

i discutibili

Non sono un esperto di quella filologia né della storia di quegli anni, ma dicono che Benjamin Franklin abbia scritto: “They who can give up essential liberty to obtain a little temporary safety, deserve neither liberty nor safety”.

In ogni caso, quali che siano i dettagli della sua formulazione, questo pensiero rimarrebbe valido e meritevole di essere citato anche se a produrlo fosse stato un Cicciominchia qualunque e non il celebre polimate di Boston. Perché vedete, la sicurezza fa ingrassare. La sicurezza toglie i sogni. La sicurezza vive in un paese di tremila abitanti, come quel mio zio che nella sua vita ricorda ancora il grande viaggio da Massa a Trento come l’esperienza più prossima mai avuta all’Odissea. La sicurezza è quella cosa per cui a Monaco di Baviera ci sono più poliziotti che civili, e comprare del fumo è una autentica roulette russa, e  i vagoni dei treni sono…

View original post 262 altre parole

Laetus in praesens

Laetus in praesens animus quod ultra est
oderit curare et amara lento
temperet risu: nihil est ab omni
parte beatum.

Un cuore che gode del presente
non deve preoccuparsi del domani.
Stempera le amarezze con un sorriso:
felicità perfetta non esiste.

Orazio

Laetus in praesens. Marsilio Ficino ispirò la sua vita a questo motto e non vedo come dargli torto. Non abbiamo nient’altro che il presente, solo il qui e ora è passibile di pratica. Come è impossibile che qualcosa sia perfetto, così è fuori discussione che ciò che accada in un momento solo lo sia, figurarsi una vita intera. Ciò che è accaduto e il futuro non sono cose che dipendono veramente da noi. Né il domani né il giorno passato devono essere oggetto dei nostri pensieri:  solo il presente è nostro.
Esso può sembrare un punto infinitesimamente piccolo di ciò che è, nella sua concezione lineare, il tempo. Noi abbiamo “solo” il presente.
D’altra parte, il minuscolo segmento chiamato “ora” è il dono più grande che possiamo aspettarci. Noi dobbiamo godere del presente.

Chi non ha mai provato il piacere nella scoperta di un dettaglio? Ecco, noi siamo e abitiamo un dettaglio. Abbiamo la possibilità di rendere il nostro particolare del mondo un posto più bello. E questo lo posso fare solamente adesso, qui. Potrà sembrare superficiale, effimero, estetico ma è tutto quello che sono e possiedo.